page contents
lunedì , 11 dicembre 2017
Home / Benessere / Aceto di mele

Aceto di mele

L’aceto di mele sta comparendo sempre più spesso sulle nostre tavole, soprattutto per via del suo retrogusto dolce, che lo differenzia da quello di vino o dal balsamico.

Ma forse non tutti sanno che non è solo gustoso, ma ha anche delle notevoli proprietà benefiche e curative. Volete saperne di più? Vi accontentiamo!

Le caratteristiche base

L’aceto di mele si ricava dalla fermentazione del sidro di mele: lo zucchero del sidro viene ripartito per batteri e lieviti, prima in alcol e poi in aceto. Il suo colore è giallo e viene spesso viene venduto non filtrato e non pastorizzato.
E’ decisamente meno acido del più comune aceto di vino.

Curiosità storiche

Si dice che Ippocrate, celebre padre della medicina nell’antica Grecia, lo usasse come tonico, ma anche per combattere la cattiva digestione.
Facendo invece un bel salto spazio-temporale arriviamo al 1958, anno in cui lo studioso americano DC Jarvis analizzò le sue numerose doti terapeutiche nel volume “Guida per la buona salute di un medico del Vermont”.
Il tempo non ha smentito la sua fama positiva, anzi l’ha confermata.

Cosa contiene

L’aceto di mele è ricco di potassio, sodio, calcio, magnesio, beta-carotene. Contiene poi le vitamine A B1, B2, B6, C ed E, l’acido acetico, altri acidi di frutta e la pectina.

I benefici

Grazie alla sua composizione, possiamo dire che fa bene in primis alla digestione. Quindi chi soffre di bruciori di stomaco o di acidità dovrebbe preferirlo a quello di vino. Chi invece ha problemi di gonfiori può trovare giovamento da degli impacchi proprio con l’aceto di mele.
La pectina aiuta poi ad abbassare il livello del colesterolo, mentre il calcio rafforza le difese immunitarie e il cuore.
Ma non solo: l’aceto di mele regolarizza il valore del ph del sangue, lo disintossica e lo purifica.
Il potassio favorisce il buon funzionamento dei muscoli e il beta-carotene rende la pelle luminosa. A questo proposito c’è anche chi sostiene che l’aceto di mele curi l’acne e le allergie. Secondo alcune “scuole di pensiero”, combatterebbe anche l’artrite, il diabete, la sindrome da stanchezza cronica e persino l’influenza.

Gli usi per la bellezza

L’aceto di mele non viene usato solo per la pelle, ma anche per i capelli. Le nonne ci insegnano che sciacquarli con un litro di acqua fredda, in cui se ne è versato un cucchiaio, li renderà più brillanti.

La pulizia della casa

Sempre le nonne ci passano la ricetta di uno sgrassante molto efficace. Basta mischiare due bicchieri d’acqua con uno di aceto di mele in un flacone, che sarà poi da agitare, per ottenere uno spray naturale in grado di detergere non solo vetri e pavimenti, ma anche tutto il bagno e la cucina. Poi aggiungere alcune gocce di aceto di mele nel detersivo dei capi delicati ci aiuta a non infeltrirli.

In cucina

Solitamente si usa come condimento, ma la cucina francese ci insegna che l’aceto di mele è anche ottimo per i dolci e le macedonie. Pare anche che basti un cucchiaino per facilitare la lievitazione delle torte.

Ora vediamo come preparare un ottimo Aceto di Mele

Perché preparare l’aceto di mele in casa?

Preparare l’aceto di mele in casa è molto più semplice di ciò che si crede e, inoltre, è molto economico. Al supermercato si trova a buon prezzo e già pronto per l’uso, ma non tutte le marche sono affidabili.

Alcuni aceti di mele sul mercato, infatti, contengono solfati, una sostanza che agisce come un conservante e che permette al prodotto di mantenere un aspetto omogeneo. Tuttavia, questa sostanza elimina alcune proprietà dell’aceto di mele e ne riduce la qualità.

come-preparare-aceto-di-mele-a-casa

Come si prepara l’aceto di mele in casa?

1. Estrarre il succo

  • Cercate di usare le mele più dolci, non ammaccate, prive di muffa e fresche.Cercate anche di usare mele biologiche che siano state coltivate senza l’uso di pesticidi o altri prodotti chimici che possono alterare il processo di fermentazione.
  • Lavate bene le mele, sbucciatele ed eliminate il torsolo. Dopodiché, spremete la polpa fino a ottenere circa un litro di succo.

2. Ottenere il mosto

  • Versate il succo di mela che avete ottenuto in un recipiente di vetro o di coccio che sia il più largo possibile. Riempitelo solo fino a metà per permettere al succo di fermentare in modo corretto. Chiudetelo con un palloncino sgonfio per evitare che entri l’ossigeno e per permettere ai gas della fermentazione di espandersi.
  • Assicuratevi che la temperatura a cui è esposto il contenitore sia sempre tra i 18 e i 20 °C e lasciate fermentare per 4-6 settimane.
  • La dolcezza delle mele è fondamentale per produrre questo aceto. Per questo motivo, vi consigliamo di usare mele mature. Tuttavia, se queste sono ancora acerbe e aspre, potete aggiungere dello zucchero.
  • Se volete velocizzare la fermentazione, lasciate un pezzetto di buccia sulle mele prima di estrarne il succo.
  • Ora procedete con la trasformazione in aceto e iniziate versando il mosto in un altro recipiente.

3. Trasformare il mosto in aceto

  • Versate il mosto in un recipiente largo e conservatelo in un luogo caldo, per esempio accanto a una stufa o esposto direttamente al sole. Lasciatelo riposare per 3 giorni, coperto con un panno pulito.
  • Dopo 3 giorni, togliete il panno e cercate di mantenere il recipiente a una temperatura media di 20 °C. Questo passaggio è molto importante perché i cambi bruschi di temperatura possono rovinare il prodotto.
  • Mescolate il contenuto una volta al giorno per poter conservare la pellicola che appare in superficie come conseguenza della fermentazione.
  • Infine, filtrate l’aceto e conservatelo in una bottiglia, meglio se di colore scuro, poiché la luce diretta può rovinare il prodotto facilmente. Il risultato sarà un aceto di mele biologico, senza prodotti chimici e che contiene tutte le sue proprietà medicinali.

About brigius

Potrebbe interessarti anche :

spaghetti-alle-vongole-saporilucani

Spaghetti alle vongole

Spaghetti alle vongole…pochi ingredienti che portano in tavola tutto il sapore del mare. La Basilicata …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*