page contents
venerdì , 17 novembre 2017
Home / Ricette / Gli Gnummareddi

Gli Gnummareddi

Gli ”gnummarieddi” sono degli involtini tipici di tutto il Sud Italia ed in particolare della tradizione pugliese, lucana e molisana.

Si tratta di  frattaglie avvolte dalle sue stesse carni e che ha suggerito il poeta teatrale Raffele Chiurazzi (Napoli 1875 -1957) nella sua poesia “o scartellato– Comm’ ‘a nu gliummariello arravugliato, steva assettato, muorto ‘e friddo e famma, nu povero guaglione scartellato…”. Involtino che di sicuro arriva dalla grande cucina ebraica sefardita, quella del famoso quinto quarto, quella del cibo da strada, dello street food, delle fiere paesane. Cibo e pietanza diffuso dai mercanti di animali, del cibo veloce fatto di frattaglie di ovini e caprini legati con le interiora stesse e conservate in grandi vasi quindi passati alla griglia, arrostite o fritte o bollite nelle fiere e nei mercati. Un pasto veloce e saporito di altri tempi, oramai dedicato e ricercato solo dai palati più rudi, sempre alla ricerca della memoria del gusto. Cibo che si presenta sotto varie sigle, gliomarieeli, gnumaredd, mazzacorda, tumacedd, mugliatiedd, marro, cazzammarro, cibreo, con cambi di vocali o di nomi, dipende da dove provengono e dove si preparano.

Gniommariedd (involtini)

Gniommariedd (involtini)

Ingredienti

Capretto o Agnello,

400g di intestini ed animelle

Aglio

Lardo

Prezzemolo

Peperoncino

Istruzioni

    Sciacquate le interiora molto bene e poi lasciatele a bagno per 12 ore in una scodella con acqua e sale. Trascorso il tempo indicato, asciugatele con un panno e tenete da parte le budelline e la rete. Riducete a pezzetti le interiora rimaste. Dividete la rete in 4 pezzi di circa 20cm, sistematevi sopra le interiora, una fettina d'aglio, una di lardo, un mazzettino di prezzemolo e un pò di peperoncino. Avvolgete e legate forte con le budelline.Arrostite gli involtini sulla brace oppure rosolateli in padella con un fondo di olio d'oliva, cipolla tritata, alloro e infine una spruzzata di vino rosso o aceto.

About Maria

Maria
Mi chiamo Maria Galante e sono un'appassionata di cucina, ma ancor di più una innamorata di questa regione..."La Basilicata", che cerco di raccontare attraverso le tradizioni culinarie, la sua storia culturale e la sua gente, calda ed ospitale. Non sono Lucana di nascita ma questa terra ed il suo popolo mi hanno conquistato sin dal primo giorno in cui ci siamo incontrati ! Un grazie a quanti, passando da questo blog, vorranno lasciare un saluto !

Potrebbe interessarti anche :

brasato-al-vino-aglianico-saporilucani

Brasato di manzo all’Aglianico con purè di patate e fagiolini

La ricetta del brasato al vino Aglianico era da un pò che volevo proporla nel …

2 commenti

  1. Howdy! I could have sworn I’ve visited this site
    before but after looking at some of the posts I realized it’s new to
    me. Regardless, I’m definitely delighted I discovered
    it and I’ll be book-marking it and checking back often!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*