page contents
mercoledì , 23 agosto 2017
Home / Antichi Mestieri / La Balestra di Avigliano, la tradizione di un amore onorato!

La Balestra di Avigliano, la tradizione di un amore onorato!

Avigliano conserva l’arte di fabbricare coltelli di grande pregio trasmettendo l’alto valore artistico e morale di un popolo.

Avigliano è un paese della provincia di Potenza, rinomato e riconosciuto in tutta la regione, in cui persiste ancora oggi un grande senso di appartenenza. Numericamente, Avigliano è uno dei paesi montuosi più popolati della Basilicata ed è l’unico paese della regione ad avere ben 50 frazioni con una popolazione che si aggira intorno agli 11.000 abitanti.

Avigliano
Avigliano

Tutti gli aviglianesi si riconoscono come un popolo fiero ed attento alle proprie origini, al punto che ancora oggi la tradizione culturale e artistica è preservata e trasmessa di generazione in generazione.

L’elemento che più di tutti identifica il popolo di Avigliano è la famosissima balestra aviglianese.

La balestra non è un semplice coltello a lama affilata, ma l’individuazione della gente del posto e sono numerosi gli artisti, i fabbri, i falegnami e gli appassionati che dall’ottocento, per diletto e per passione, continuano nella creazione di questi piccoli gioielli intarsiati nelle lame e nelle decorazioni in argento e ottone, presentati anche con mostre dedicate.

Il coltello di Avigliano ha origini ottocentesche. Si narra, infatti, che la balestra sia stata creata appositamente da un fabbro il quale, proprio a causa del suo lavoro, non riusciva a trovare moglie.

Un giorno incontrò finalmente una ragazza la quale accettò il suo amore, forse perché sola e nessuno la ostacolava.

La Balestra
La Balestra

Decisero di sposarsi ma nel paese di Avigliano, che era governato dal feudatario, vigeva una regola tanto bislacca quanto fastidiosa: la sposa doveva trascorrere necessariamente la prima notte di nozze al castello.

Una regola a cui era impossibile sottrarsi e cosi, il fabbro, intelligentemente, pensò come potesse ovviare a questa angheria, per difendere l’onore dell’amata e il suo rispetto. Egli cominciò a lavorare alla realizzazione di un coltello dalla lama sottile e micidiale, con il quale la sua sposa si sarebbe dovuta presentare all’appuntamento con il feudatario.

Il coltello venne nascosto tra le pieghe della lunga gonna della donna, tipica del costume aviglianese, e quando il notabile si avvicinò, la donna gli inflisse un colpo di balestra mortale». Da allora la balestra assunse il significato di coltello dell’amore, pensato non per oltraggiare ma per difendersi, e da lì cominciò a essere parte integrante della dote di una futura moglie.

.

 

About Maria

Maria
Mi chiamo Maria Galante e sono un'appassionata di cucina, ma ancor di più una innamorata di questa regione..."La Basilicata", che cerco di raccontare attraverso le tradizioni culinarie, la sua storia culturale e la sua gente, calda ed ospitale. Non sono Lucana di nascita ma questa terra ed il suo popolo mi hanno conquistato sin dal primo giorno in cui ci siamo incontrati ! Un grazie a quanti, passando da questo blog, vorranno lasciare un saluto !

Potrebbe interessarti anche :

lenottidellamagia

Ad Albano dal 28 al 30/08 la 3° edizione di “Notti della magia”

Dal 28 al 30 Agosto, Albano di Lucania, si immergerà in un viaggio emozionale sulle …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*