page contents
venerdì , 17 novembre 2017
Home / Ricette / Dolci e Dessert / Panzerotti (calzoncelli) di Natale

Panzerotti (calzoncelli) di Natale

I Panzerotti, chinulidd’, cauzncidd o calzoncelli di castagne, sono  dei dolci tipici della tradizione natalizia lucana. Fatti di pasta sfoglia con farina di grano, chiusi a fagottino e ripieni di crema di castagne.

Dopo averli fritti, si coprono con dello zucchero a velo oppure con del miele.

calzoncelli di castagne_saporilucani

Nel Sud Italia diverse sono le ricette e le modalità di preparazione a seconda della regione, in particolarmente i calzoncelli  della Campania e della Basilicata, si distinguono per forma, grandezza e tipo di ripieno. In particolare i calzoncelli campani  nel ripieno oltre alle castagne mettono anche le nocciole.

Per la loro preparazione ci sono molte varianti:  c’è chi utilizza il liquore all’anice, chi   lo “Strega” , chi aggiunge le pere sciroppate,  l’uva sultanina, o i canditi, di fatto è che sono tra i dolci di Natale quelli che metto al primo posto…

In Basilicata i panzerotti  sono piccoli ed assomigliano d un raviolo, mentre quelli campani sono più grandi ed hanno  la forma classica del calzone.

(L’immagine di copertina è stata gentilmente concessa da Lidia Miglionico. Vi suggeriamo di visitare il suo bellissimo blog ildolcemondodilidia.blogspot.it , nel quale troverete  tante dolcissime ricette)

Panzerotti (calzoncelli) di Natale

Panzerotti (calzoncelli) di Natale

Ingredienti

Ingredienti per la pasta:

400 gr. farina di grano duro

5 uova

1 bicchiere d’olio extravergine d’oliva

1 bicchiere di vino bianco

50 gr. di zucchero.

Ingredienti per il ripieno:

500 gr. di castagne

200 gr. circa di cioccolato fondente

100 gr. di miele

2 uova, la buccia grattugiata di un limone e di un’arancia

1 pizzico di cannella

qualche chiodo di garofano

1 bicchiere di mosto cotto

olio per friggere.

Istruzioni

    Sulla spianatoia versiamo a fontana la farina e la impastiamo, aggiungendo, se necessario, a seconda delle necessità farina o vino, fino ad avere un impasto molto omogeneo e liscio che modelliamo fino a darle la forma di una palla, quindi la avvolgiamo in un tovagliolo e lasciamo riposare una mezzora.

    In un tegame con acqua e sale lessiamo le castagne e una volta cotte le spelliamo e le passiamo nello schiacciapatate per ridurre la polpa in una purea che mettiamo in una ciotola con tutti gli altri ingredienti. Amalgamiamo il tutto, aggiungendo, se necessario, un po’ di latte caldo.

    Con il mattarello si stende la pasta (attenzione...non troppo sottile) si mette un cucchiaio di ripieno. si ripiega a mezzaluna e si chiudono i bordi sigillandoli (Si può utilizzare una forchetta).

    A questo punto i nostri panzerotti sono pronti per essere fritti in abbondante olio ben caldo fino a competa doratura.

    Li scoliamo e li poniamo su della carta assorbente, ed infine li spolverizziamo con zucchero a velo o con gocce di miele.

About brigius

Potrebbe interessarti anche :

brasato-al-vino-aglianico-saporilucani

Brasato di manzo all’Aglianico con purè di patate e fagiolini

La ricetta del brasato al vino Aglianico era da un pò che volevo proporla nel …

2 commenti

  1. La foto di copertina è stata presa dal mio blog ….. conosco molto bene questi panzerotti li preparo ogni natale…
    grazie per aver usufruito di una mia foto

    • Maria

      Buongiorno Lidia e grazie per aver lasciato un commento.
      In genere, quando utilizziamo foto prese da altri blog/siti cerchiamo sempre di citare la fonte e chiedere l’autorizzazione pr la pubblicazione.
      Questa volta, evidentemente, qualcosa non ha funzionato e ti chiediamo scusa.
      Se per te questo rappresenta un problema, possiamo rimuovere la foto immediatamente.
      Abbiamo, nel frattempo, citato il tuo blog, approfittandone anche per tornarci e leggerlo con maggior attenzione, constatandone l’ottima qualità. Davvero complimenti, ildolcemondodilidia.blogspot.it è davvero molto bello ed interessante e sono certa che molti dei nostri lettori verranno a trovarti.
      Grazie
      Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*