page contents
venerdì , 20 ottobre 2017
Home / Proverbi

Proverbi

proverbi

Non poteva mancare un angolo dedicato ai proverbi Lucani.

Ne elenchiamo alcuni e se ne conosci altri non esitare a comunicarceli, saremo felici di pubblicarli.

 

 

Megghj ric d’sangue ca ric d’sold.
Meglio essere in buona salute che ricco.

 

Quann lu ciucc non vol viv ai voglia ri lu fiscà.
Quando una persona non vuol capire è inutile insistere.

Soldi fanu soldi e piducchi fanu piducchi.
Soldi generano soldi e pidocchi generano pidocchi.

 

Lu quazz ca’ nun vol fott ric’ ca’ trova gli pil p’nnand.
Chi non vuol far niente riesce sempre a trovare una scusa.

 

Fa male e penza, fa ‘bbene e scorda.
Quando fai del male riflettici, quando fai del bene dimenticatene.

 

Com nash s mèt.
Prendere le cose come vengono

Jè amar’coma a ru tusk.
È amaro come il veleno.

Mannagg a sant nindi e papanonn senza dint.
Mannaggia a “San Nessuno” e il nonno non ha denti.

Tèn’ la facc’ com’ a r pret lesc.
Ha la faccia tosta come le pietre lisce.

Ariu chiaru non ha paura di troni.
Aria limpida non teme tuoni.

Acqua passata no maciniti cchiù nu mulinu.
Acqua passata non serve più alla macina del mulino.

Quannu lampiti da Scalia, piglia ‘a zappa e va fatìa; quannu lampiti da punenti posa ‘a zappa e non fa nenti.
Quando lampeggia da Scalea (sud) piglia la zappa e vai a lavorare; quando lampeggia da ponente (nord-ovest) lascia la zappa e dedicati all’ozio.

Quann lu ciucc non vol viv ai voglia ri lu fiscà.
Quando una persona non vuol capire è inutile insistere

Li sciabbole stanne appese, li fodere cumbattene.
Le sciabole sono appese, i foderi combattono.

Megghj ric d’sangue ca ric d’sold.
Meglio essere in buona salute che ricco.

Chi tropp s’abbascia lu cule s’mostra.
Chi si china troppo il culo mostra.

Li ciucce ‘nnanz e li cavadde appresse.
Gli asini davanti e i cavalli dietro.

Nun po’ mangh ammurtà a lùcia cu nu sàcc.
Non può nemmeno spegnere la luce con un sacco.

La gatta càchiti e ammùcciti.
La gatta fa la cacca e la nasconde.

Genti senza figli né p’amuri, né pì cunsigli.
Gente senza figli non può dare amore e neppure consigli.

‘U jancu e lu russu veni da lu mussu.
Il colorito del viso (bianco o rosso) viene dalla bocca.

‘U mastu pignataru mittiti ‘u manicu adduvi vò.
Il mastro pignattaro mette il manico dove vuole.

Pi guardà ‘a carn ‘i l’ati ‘a tua s’ ‘a mangiunu ‘i cani.
Per guardare la carne degli altri la tua se la mangiano i cani.

Aprìl ienghie i varlìr.
Aprile riempie i barili.

Chi nu cal’ nun cura nu cal’ nun val’.
Chi non si cura di un soldo non vale un soldo.

Scarta frusce ‘ca vene premèra.
Scarta una carta di basso valore, perché subito dopo ti arriva quella di massimo punteggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*