page contents
domenica , 22 luglio 2018
Home / Ricette / Dolci e Dessert / Taralli Lucani

Taralli Lucani

Quando rinfreschiamo la Pasta Madre, non sempre abbiamo la possibilità di impiegare nell’immediato la porzione di impasto in eccesso rispetto a quella che conserviamo nel barattolo. Così la separiamo e la poniamo in frigorifero. Questo avanzo, che dopo un paio di giorni diviene lievito naturale non rinfrescato può essere utilizzato direttamente per alcune preparazioni semplici come grissini, crackers e taralli.

Oggi vogliamo proporvi una ricetta velocissima per ottenere dei buonissimi taralli lucani. La forma che principalmente si adotta è quella “a otto“, ovvero un tarallo di grandi dimensioni, lungo una decina di centimetri, che ricorda la forma di un 8 appunto e vagamente quella di un bretzel.

A seconda della zona e del paese che li fa, i taralli variano per ingredienti e consistenza. Sono famosi quelli croccanti e senza grassi di Trecchina, ma anche quelli con i semi di finocchio di Noepoli. Oggi vogliamo condividere con voi la ricetta dei taralli di Lauria la cui versione originale prevede l’impiego dello strutto (la sugna), ma considerando che non tutti i nostri lettori riescono a reperirlo, lo abbiamo  sostituito con l’olio di oliva.

Taralli Lucani

Porzione: Facile

Porzione: 8-9 taralli

Taralli Lucani

Ingredienti

250 gr di farina 00 (io ho impiegato quella 0)

100 ml di acqua

1/2 uovo

1 cucchiaino di zucchero

30 ml di olio evo

25 gr di strutto (io ho sostituito tutto con 50 gr totali di olio evo)

1/2 cucchiaio di sale

100 gr di esubero di 2 o 3 gg di Pasta Madre

Istruzioni

  1. sciogliere la Pasta Madre nell'acqua unitamente allo zucchero
  2. aggiungere mezzo uovo sbattuto
  3. incorporare la farina
  4. seguire con il sale e l'olio
  5. impastare per qualche minuto
  6. riempire d'acqua la pentola per la pasta
  7. metterla a scaldare fin quando non prenderà a bollire
  8. prelevare piccole porzioni di impasto, stenderle in lunghi cordoncini e conferirgli la forma dei taralli a otto (si possono fare anche i classici tarallini)
  9. riporli a riposare su un piano infarinato
  10. calare delicatamente i taralli, un paio per volta, nell'acqua bollente
  11. scolarli man mano che salgono a galla e porli su uno strofinaccio
  12. rivestire una teglia di carta forno e distribuirvi i taralli bolliti
  13. infornarli in forno ventilato preriscaldato a 200° per circa 25 minuti - verificando frequentemente la doratura dei biscotti
  14. abbassare la temperatura a 160° e proseguire per ulteriori 15 minuti a forno semi aperto per far asciugare l'interno dei taralli
  15. spegnere il forno, chiuderlo e lasciar riposare ancora i biscotti una decina di minuti
  16. sfornare e lasciar raffreddare completamente prima di consumare

About Maria

Maria
Mi chiamo Maria Galante e sono un'appassionata di cucina, ma ancor di più una innamorata di questa regione..."La Basilicata", che cerco di raccontare attraverso le tradizioni culinarie, la sua storia culturale e la sua gente, calda ed ospitale. Non sono Lucana di nascita ma questa terra ed il suo popolo mi hanno conquistato sin dal primo giorno in cui ci siamo incontrati ! Un grazie a quanti, passando da questo blog, vorranno lasciare un saluto !

Potrebbe interessarti anche :

cotica ripiena 1 - sapori lucani

Cotica (o cotenna) di maiale ripiena

Del maiale, si sa, non si butta via niente ed ancor di più la cotica …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.