page contents
Home / Ricette / Piatti Unici / Melanzane rosse di Rotonda ripiene di couscous e triglia

Melanzane rosse di Rotonda ripiene di couscous e triglia

Ogni tanto ci piace “sbirciare” in altri blog che trattano ricette lucane, ed oggi abbiamo voluto “rubare” questa interessante ricetta di Daniela Vietri pubblicata nel suo blog cucinalibriegatti.com

Melenzane rosse ripiene di cous cous e triglia.

Daniela, come spiega nell’articolo pubblicato qualche tempo fa, ha preparato questa ricetta per partecipare al contest IoChef organizzato dall’Unione Ragionale Cuochi Lucani in occasione del 27° Congresso Nazionale della Federazione Cuochi Italiana.

Bisognava creare una ricetta che avesse quali protagonisti prodotti lucani DOC, che sono stati recapitati a casa e cioè:

La ricetta doveva avere quale altro ingrediente obbligatorio… un pesce da scegliere tra una lista di pescato lucano. In quell’edizione del congresso, infatti, l’attenzione si focalizzava sul pesce lucano e sulla pesca sostenibile.
Daniela ha voluto dare dare un taglio mediorientale alla ricetta, attraverso l’uso del cous cous e delle spezie.

Per il cous cous ha scelto di usare un brodino fatto con gli scarti delle triglie. In generale la triglia non è il pesce adatto ad un brodo, ma in questo caso serviva solo a rendere un pò più saporito il cous cous ed a meglio legarlo con il resto del piatto. Ma l’ingrediente principale è questa bellissima “melanzana rossa di Rotonda.

melanzane 1

trigliecouscousmelanzana2

About Maria

Maria
Mi chiamo Maria Galante e sono un'appassionata di cucina, ma ancor di più una innamorata di questa regione..."La Basilicata", che cerco di raccontare attraverso le tradizioni culinarie, la sua storia culturale e la sua gente, calda ed ospitale. Non sono Lucana di nascita ma questa terra ed il suo popolo mi hanno conquistato sin dal primo giorno in cui ci siamo incontrati ! Un grazie a quanti, passando da questo blog, vorranno lasciare un saluto !

Potrebbe interessarti anche :

Costine di maiale con peperoni rossi sott’aceto

Fino a qualche anno fa in quasi ogni masseria lucana si allevavano maiali che, una …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.